Blog: http://giornivariabili.ilcannocchiale.it

Apertura




Ci sono molti modi per resistere.
Ho scelto la casa al mare, come luogo estremo per restare fermo.
Questi luoghi: le colline aspre e distanti dal mare (come se si fossero ritirate in disparte); le spiagge oggi deserte e nascoste dalla pineta impenetrabile e balsamica; questi luoghi mi sembrano adesso del tutto sconosciuti, come se ci fossi capitato per caso.

Viaggiare sull’Aurelia col sole piegato e sanguigno sul mare è un andare fisso e onnubilante.
I pini marittimi e l’asfalto rettilineo cancellano ogni idea di progresso. Il presente si è invischiato catturandomi in un’immagine fissa: giro perennemente lungo la stessa orbita. Devo aver smarrito tutte le ragioni che mi hanno spinto ad arrivare qui: tutte le ragioni tranne una, e sei tu.

[Indagine su una scomparsa, che diventa anche un viaggio per il paese. Ricercare, e non mettere a rischio, una scrittura differente. Libri si addormentano aperti vicino a me. Prima di mettersi a scrivere, bisogna dirlo a qualcuno.]

Pubblicato il 20/5/2008 alle 15.47 nella rubrica finzioni.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web